APPEtitoso

La Fregola Sarda, una magia di colore!

Ci sono alcuni cibi o preparazioni che permettono di assaporare il sapere antico, facendo trasudare la propria storia, fatta anche di spostamenti, migrazioni e acculturazione. Preparati a partire da materie prime molto semplici e con tecniche essenziali, hanno ancora un forte valore culturale.

Uno di questi piatti è la Fregola sarda o Fregula, una preparazione che per molti aspetti assomiglia a quella del ben più conosciuto e diffuso cous cous. E’ una pasta preparata a partire dalla semola di grano duro e impastata con acqua tiepida salata in un grosso piatto, la fregulera. Si tratta un lavoro che richiede molta pazienza e il continuo sfregamento di semola e acqua attraverso il movimento dei polpastrelli delle dita. Le piccole sfere prodotte vengono poi fatte asciugare e tostate in forno: proprio in questo differisce dal cous cous.

Fuori dal territorio sardo, si possono trovare sul mercato moltissime fregole industriali. La differenza rispetto a quelle preparate a mano è comunque notevole.

Non l’avete mai assaggiata?

Alla Vineria Cozzi la potete trovare!

Fregola sarda fatta a mano allo zafferano, con verdure e lenticchie beluga; una caratteristica varietà di lenticchia appiattita e di colore nero. E’ presente anche nel nostro cestino pic-nic!